Imparare nel bosco

Approfondiremo questi argomenti il 25 giugno 2016 al workshop “Imparare all’aperto: percorsi di apprendimento naturale.” organizzato da Fuori dalla scuola alla yurta sede del nostro Asilo nel bosco.

 

L’Asilo nel bosco è fuori perchè siamo convinti che all’aperto ci sia una dimensione più stimolante e più accogliente insieme, in cui ogni bambino può trovare i propri spazi e tempi per crescere. Per trovarsi in questa dimensione non basta però uscire, ma bisogna cambiare decisamente prospettiva sul ruolo e le modalità di intervento degli adulti nei percorsi di apprendimento dei bambini.

All’Asilo nel bosco l’apprendimento avviene dall’incontro e dall’interazione tra un bambino (i suoi bisogni, le sue domande, i suoi interessi) e la natura (elementi, ambienti, esseri viventi nella loro dimensione selvatica). Difficile quindi immaginare di riportare fuori tale e quale un modello (quello della scuola tradizionale) in cui gli obiettivi, i contenuti e gli strumenti di attuazione del programma vengono concepiti in anticipo –e spesso ripetuti uguali di anno in anno- dagli adulti (e al massimo adattati per accogliere un minimo l’unicità del gruppo e del singolo).

DSCN5187 (Large)

Se il percorso educativo avviene grazie all’occasione, all’imprevisto e all’individualità sorgono spontanee alcune domande: ha senso che gli adulti individuino a priori degli obiettivi (competenze o conoscenze che siano)? Ha senso che si individuino a priori delle “materie” o ambiti di conoscenza considerati irrinunciabili? Davvero i bambini imparano anche se il percorso è guidato dai loro interessi? E gli adulti come possono sostenerli in modo efficace senza sovrapporsi a loro?

Nello specifico, può esistere una “programmazione” all’Asilo nel bosco? Nel mondo anglosassone si parla di emergent curriculum, un programma che “affiora” nell’esperienza quotidiana e che è l’insieme delle domande dei bambini e dei rilanci progettuali degli adulti. In realtà non è un vero e proprio programma perchè in realtà non è stabilito in anticipo, ma si costruisce man mano e si può apprezzare appieno il suo svolgimento solo a posteriori.

I pilastri di questo modo di sostenere l’apprendimento spontaneo dei bambini sono:

– l’osservazione (documentazione): uno sguardo attento e consapevole, che tramite il ricordo, la narrazione e la riflessione sia testimone fedele del lavoro dei bambini e sappia quindi come intrecciare gli interventi degli adulti al loro percorso;

– la relazione (fiducia e dialogo): stare con i bambini, aprire canali di comunicazione onesti e a doppio senso, accogliere le loro richieste, esserci per giocare e parlare con loro quando e se ne hanno bisogno.

Prerequisiti necessari saper stare nell’attesa, non avere troppe aspettative e saper ascoltare, sapendo che si tratta di un processo che si costruisce man mano e cambia da gruppo a gruppo.

DSCN5147 (Large)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...